Risultati attesi

  1. Stimolare il confronto cognitivo ed emozionale con spazi diversi da quelli di cui normalmente si ha esperienza nella quotidianità, spazi che spesso sono alla base di paure e ritiro sociale, può migliorare la qualità della vita dei partecipanti e la riduzione dello stigma.

  2. La necessità di dotarsi di strumenti e di competenze adeguate (orientamento nel territorio, gestione del denaro e degli orari, utilizzo dei mezzi di trasporto, cura della salute fisica e dell’igiene personale, capacità di osservazione delle convenzioni sociali) può migliorare i livelli di autonomia e di autostima personali.

  3. Il sostegno del gruppo, la fiducia nei compagni e nella guida, la condivisione dell’esperienza possono favorire e/o migliorare l’apprendimento di abilità interpersonali e il controllo emotivo.

  4. Stimolare l’attività fisica può intendersi come un fattore di prevenzione e di tutela della salute.

  5. Non trascurabile è il miglioramento della vita dei famigliari che avranno la possibilità di sentirsi meno soli e di prendersi anche una pausa dalla gestione quotidiana del proprio caro, con tutto ciò che essa comporta dal punto di vista del carico fisico, ma soprattutto psicologico.